Tumore al cervello, l’aspirina liquida per combattere la grave patologia?

by -
0 525
Condividi su Facebook 1o Condividi su Twitter 0

Potrebbe essere l’aspirina in forma liquida l’ultima e innovativa “arma” contro i tumori al cervello. L’ipotesi suggestiva, avanzata da un gruppo di ricercatori dell’Università inglese di Portsmouth e presentata di recente alla conferenza “Brain Tumors 2016” di Varsavia, è ancora a caccia di conferme definitive, ma ha da subito catturato l’attenzione di addetti ai lavori e di semplici appassionati. Soprattutto alla luce del fatto che il medicinale andrebbe a colpire e ad indebolire il cosiddetto glioblastoma, attualmente fra le forme patologiche più diffuse e aggressive. Pare, pertanto, che una speciale versione liquida del farmaco, denominato IP1867B, impreziosita dall’aggiunta di altri due ingredienti ancora non rivelati, risulterebbe dieci volte più efficace nel distruggere cellule tumorali rispetto all’attuale chemioterapia. Serviranno nuovi test, serviranno nuove verifiche, ma, stando a quanto riportato dal Daily Mail, la situazione sembrerebbe destinata a migliorare ulteriormente (si pensa, a tal proposito, all’utilizzo di due chemioterapici, da affiancare al farmaco sperimentato).

L’idea di creare un tipo di aspirina in forma completamente liquida affonda le sue radici in tempi non troppo recenti. L’obiettivo era tale da sempre, ma soltanto adesso si è vicini a raggiungerlo. Le aspirine solubili, tanto diffuse quotidianamente nel mercato farmaceutico, non sono realmente solubili e contengono al loro interno alcuni granuli potenzialmente in grado di danneggiare l’organismo a livello gastrico. Diversa la soluzione prevista dalla ricerca. La nuova formulazione, ottenuta grazie all’assistenza di una piccola start up di Manchester, riesce infatti ad oltrepassare la barriera costituita dal sangue -messo lì, a proteggere la corteccia celebrale- senza però finire per danneggiare le cellule celebrali sane. Essa è stata già provata su soggetti adulti e bambini, affetti da glioblastoma, e non ha recato alcun danno ai pazienti , risultando di gran lunga più efficiente e convincente di tutto il resto delle alternative attualmente disponibili.

NO COMMENTS

Leave a Reply