Saluto romano su Fb: bufera su vicesindaco di Boltiere

by -
0 521
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Il web si sa è ormai il veicolo per eccellenza utilizzato per far girare notizie ed informazioni in modo veloce e facendole arrivare ovunque, ma all’egocentrico vicesindaco di Boltiere questo particolare sarà sfuggito, dato che ha lasciato che qualcuno postasse (quindi inserisse) sul social network più in voga del momento, Facebook, la foto in cui alza la mano destra con il palmo rivolto verso il basso, in segno di rispetto verso il Duce defunto.

L’immagine, infatti, mostra Testa, il fratello gemello e alcuni amici, in gita a Predappio, paese natale del Duce, di fronte il busto di Mussolini, mentre compiono sorridenti il saluto romano. La foto ci ha messo poco, anzi pochissimo, a fare il giro del web e dopo le numerose critiche ricevute, Testa ha pensato bene di riutilizzare lo stesso veicolo di informazioni, quindi internet, per chiedere scusa.

Sul sito www.bergamonews.it si leggono le sue parole: “Chiedo scusa a tutte le persone che si sono sentite offese nel mio gesto di saluto romano. Effettivamente nel ruolo che copro è un gesto inopportuno, di leggerezza e fuori luogo. Non era mia intenzione offendere nessuno. Come diceva mio padre il fascismo è nato, vissuto e morto con Mussolini. Mi sono da sempre riconosciuto nella democrazia, nel tricolore, nella libertà”.

Ma in quel della provincia bergamasca il caso non è unico, anzi, diversi sono gli esempi che si possono citare, come le foto pubblicate sempre su Facebook di due consiglieri comunali di San Giovanni Bianco e Ponteranica e di un assessore di Seriate intenti a sfoggiare con orgoglio il saluto fascista.

Mariangela Deliso

NO COMMENTS

Leave a Reply