La notizia è stata data dal quotidiano britannico “The Guardian” che ha messo in luce come l’intenzione di Basescu sia quella di colpire l’evasione fiscale che si annida massiccia fra le pieghe del mercato della magia. La reazione dei diretti interessati non si è fatta attendere.

Mentre la maga Mihaela Minca ha dichiarato di essere felice perché dandogli uno statuto legale “il governo dimostra di riconoscere la nostra attività dopo tanti anni di diffidenza”, altri si sono rivelati meno “collaborativi”. La strega forse più famosa di Romania Bratara Buzea ha dichiarato : “Io non ho paura nè del governo nè del presidente, anche se ce l’hanno con noi, Dio ci proteggerà”.

La maga ha detto che guiderà un gruppo di “colleghe” intonando un maleficio accompagnato da una pozione ricavata da escrementi di gatto e un cane morto. Altre fattucchiere si riuniranno sulle rive del Danubio per gettare in acqua velenose piante di mandragora al grido di “affinché il male li colga”come ha potuto precisare una di loro, Alisia.

La legge, che vedrebbe l’imposizione di un’aliquota del 16% pari a quella degli altri lavoratori, rischia quindi di saltare data l’importanza che  viene data all’occulto nel paese della Transilvania. Traian Basescu e i suoi collaboratori infatti, in alcuni giorni della settimana, usano vestire di viola proprio per scacciare il malocchio.

Angelo Fischetti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here