Ludovico Einaudi e la sua musica celestiale fanno tappa presso il Teatro Grande di Pompei

by -
0 538
Condividi su Facebook 0 Condividi su Twitter 0

Pompei e il suo Teatro Grande si preparano a una serata di grande musica internazionale. Sabato 23 luglio, sul palcoscenico del più importante edificio teatrale della città campana si esibirà Ludovico Einaudi, in un concerto dal titolo “Ludovico Einaudi elements”. Ad accompagnarlo, Federico Mercozzi, al violino, Redi Hasa, al violoncello, Alberto Fabris, al basso elettrico e live electronics, Riccardo Laganà, alle percussioni e Francesco Arcuri, alle chitarre. Il tour del pianista torinese, giunto ormai a metà del suo corso, tocca quella che probabilmente è la meta più suggestiva dello speciale programma estivo (fino ad ora aveva fatto tappa presso Brescia e Trieste, in attesa di sbarcare a Firenze, Roma -in due diverse tappe- Verucchio, Diamante e Taormina).

Composto da dodici brani nuovi di zecca, l’album Elements è stato ufficialmente pubblicato il 16 ottobre del 2015. Per completarlo, l’artista piemontese si è avvalso dell’aiuto dell’elettronica, affiancata agli strumenti già abitualmente utilizzati. Un’esperienza nuova, a metà fra il consueto e l’innovativo. Una sonorità diversa, ai limiti del concettuale, stando alle parole dello stesso Einaudi che, sbilanciandosi, ha dichiarato che “se non fosse musica sarebbe una mappa dei pensieri, a volte chiari, a volte sovrapposti, punti, linee, figure, frammenti di un discorso interno che non si ferma mai”. 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply

18 − quattordici =