Trump e Kim jongUn
Trump e Kim jongUn

È dura la reazione della Corea del Nord dopo le sanzioni dell’Onu con il ministro degli Esteri del paese, Ri Yong Ho. La Corea minaccia di fatto di dare agli Stati Uniti una severa lezione utilizzando la sua forza nucleare strategica. Pyongyang si è detta pronta a adoperare le armi nucleari solo contro gli Stati Uniti, a meno che qualche altro Stato non si unisca all’iniziativa statunitense.

“La nostra forza nuclerare è una minaccia per il mondo o solo per gli Stati Uniti? Vogliamo chiarire che il peggioramento delle condizioni nella penisola coreana, e sulle questioni nucleari, è stato causato dagli Stati Uniti”, attacca Bang Kwang Hyuk, il portavoce nordcoreano del forum dell’Asean (Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico) in corso a Manila.

La linea delle sanzioni promossa dagli Stati uniti vede d’accordo Corea del Sud, Cina e Giappone: “È necessario implementare le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu, incluse le ultime, ed esercitare maggiori pressioni su Pyongyang. Altri paesi sono dello stesso avviso”, ha detto il neoministro degli Esteri giapponese Taro Kono.

Pyongyang fermi i suoi lanci missilistici come segnale della volontà di riprendere i negoziati sulla denuclearizzazione: a lanciare da Manila il monito è il segretario di Stato americano, Rex Tillerson a margine del forum dell’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here