Israele, morto Shimon Peres, ex presidente e Nobel per la pace

by -
0 190
Condividi su Facebook 2 Condividi su Twitter 0

Shimon Peres non ce l’ha fatta. L’ex presidente di Israele è morto all’età di 93 anni, in seguito a un ictus che lo aveva costretto in ospedale fin dal 13 settembre. Ad annunciare la triste notizia al mondo, la radio militare israeliana, che, per l’occasione, ha interrotto la consueta programmazione. La morte di Peres è stata accolta in patria con un filo di sorpresa: dall’ospedale filtravano voci secondo le quali l’ex presidente fosse in condizioni critiche, ma stabili. Poi l’improvviso peggioramento della giornata di ieri, la convocazione dei familiari e il decesso avvenuto in piena nottata.

Eccellente statista, premio Nobel per la pace nel 1994, Peres ha onorato fino alla fine il suo Paese, conducendolo per mano in un periodo molto delicato della sua breve storia. Capo di Stato fra il 2007 e il 2014, ha vissuto per la pace, ha lottato per la pace, avendo un ruolo chiave nella buona riuscita dei tanto celebri quanto -ahinoi- inutili Accordi di Oslo. È stato per poco più di un anno il presidente più anziano del pianeta, ma, incurante della carta d’identità, non ha mai reso orfani i suoi cittadini della voce, la tenacia e la determinazione che da sempre lo avevano caratterizzato. Grandissimo il cordoglio del panorama politico internazionale. L’attuale premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha parlato di “profondo dolore per la morte di una persona cara alla Nazione intera”. Gli ha fatto eco Barack Obama, che ha definito Peres “un instancabile ottimista, guidato da una visione della dignità umana e di un progresso verso il quale lui sapeva che le persone di buona volontà avrebbero potuto avanzare insieme”. 

NO COMMENTS

Leave a Reply

due × 5 =