Firenze
Firenze

Ora spunta anche un video sul caso dello stupro a Firenze. Pochi istanti confusi bui ma sufficienti a riconoscere le divise dei due carabinieri e distinguere chiaramente la voce di una delle due ragazze mentre grida insulti. Il video recuperato dal telefonino di una delle due giovani americane è già nelle mani degli inquirenti di Firenze, che stanno cercando di delineare con chiarezza la posizione dei due carabinieri toscani accusati di stupro nei confronti delle due studentesse.

«Appena siamo entrati ci sono saltati addosso – ha raccontato una due – non ho urlato perchè avevo paura delle armi», ed ha poi asserito di non avere dubbi sull’identità dei due uomini. Dal canto uno dei due, precisamente l’appuntato dei carabinieri ha già ammesso di aver avuto un rapporto, rapporto a suo dire consenziente, seppur riconoscendo di aver fatto una cosa inqualificabile, lasciandosi trascinare in una situazione in cui non avrebbe dovuto trovarsi. Dall’altro collega che invece potrebbe essere sentito in giornata per ora nessuna dichiarazione. I due, già sospesi, su cui indaga anche la Procura militare di Roma, se quanto denunciato venisse confermato rischiano l’espulsione dall’Arma.

Fra i reati che ancora vengono ipotizzati potrebbe esserci la violata consegna e il peculato militare, e il fatto che le due ragazze a quanto pare non fossero pienamente lucide per via dell’acol aggraverebbe la posizione dei due. All’accuso di stupro a quel punto di aggiungerebbe l’aggravante dell’abuso di potere.

 

2 Commenti

  1. Hai signori di fazione comunista non piacciono i commenti pro carabinieri quindi qualche pagliaccio vestito da moderatore ha eliminato la possibilità di commentare, cari prom migrating non imbavaglierete la verità

  2. Sergio i commenti sono stati disabilitati solo perchè in passato se n’è fatto un uso errato. E’ mancata educazione e rispetto sia per gli autori degli articoli sia per la democrazia di pensiero. Quest’ ultima fortemente difesa dallo staff del Quotidiano Italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here