La Polizia di Stato di Bologna ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un tunisino di 35 anni. L’ordinanza scaturisce dall’attività investigativa effettuata dalla quarta sezione contrasto al crimine diffuso della Squadra Mobile di Bologna, che ha ricostruito la dinamica della rapina ai danni di una ragazza italiana, che dopo aver passato la serata con amici, è stata aggredita alle spalle da un uomo che l’ha quasi soffocata, mentre cercava di far rientro nella sua abitazione nel quartiere Santo Stefano.

Con un’azione fulminea e violenta, l’aggressore una volta afferrata alle spalle l’ha trascinata in terra per alcuni metri. Impietrita ed impossibilita a reagire, la ragazza non è riuscita neanche ad urlare per poter chiedere aiuto. Al termine della violenta aggressione, l’uomo è riuscito a scappare impossessandosi della pochette, del telefono cellulare, della tessera bancomat e dei pochi contanti.

Le immediate indagini, condotte dalla Squadra Mobile, basate sul racconto della vittima che descriveva il rapinatore e sull’analisi delle immagini acquisite sul luogo, hanno consentito di individuare, il giorno seguente, in via San Vitale, un cittadino straniero compatibile, per l’abbigliamento indossato e per le sembianze fisiche, con l’autore della rapina. Inoltre, in una tasca dei pantaloni il soggetto aveva un telefono cellulare identico a quello sottratto alla parte lesa, del quale non era in grado di giustificare il possesso.

La comparazione tra l’immagine dello straniero e quelle acquisite sul luogo del reato, oltre al certo riconoscimento della vittima, hanno consentito al P.M. titolare dell’indagine di richiedere la misura cautelare per il reato di rapina aggravata che il GIP ha emesso nel febbraio di quest’anno.

Nel frattempo, l’uomo ha abbandonato il territorio nazionale per cercare fortuna in Germania e sfuggire alla legge ma le autorità tedesche lo hanno restituito all’Italia in conformità alle regole di Dublino. All’arrivo a Linate il tunisino è stato arrestato in esecuzione dell’ordinanza e condotto a San Vittore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here