Speranzon è il primo ad aver accolto l’iniziativa lanciata da due esponenti Pdl, Roberto Bovo e il consigliere di Martellago (Venezia) Paride Costa, “solidali con i familiari delle vittime”. La proposta è di attuare il «boicottaggio civile» verso gli scrittori italiani, oltre 40, che l’11 febbraio 2004 hanno firmato la petizione a sostegno dell’ex militante dei PAC (Proletari armati per il comunismo), Cesare Battisti, chiedendone la liberazione.

Perseguendo nel suo intento  Elena Donazzan ha dichiarato di voler inviare già da domani, 21 gennaio, una lettera presso tutti gli istituti, invitando i direttori scolastici a non adottare testi di autori che continuano a mantenere la loro firma all’appello del 2004 a sostegno di Cesare Battisti. La Donazzan inoltre invita “chi non l’ha ancora fatto a togliere la firma “, appellandosi nel contempo ai dirigenti scolastici affinchè non adottino testi di coloro i quali continuano a sostenere un uomo “riconosciuto come assassino”.

Il mondo della cultura intanto si mobilita. Tra i proscritti nel mirino della Lega, i romanzieri Massimo Carlotto e Tiziano Scarpa, i poeti Lello Voce e Nanni Balestrini, firmatari di un appello con circa 2000 firme, tra cui quella del francese Daniel Pennac.

Lo scrittore Alain Elkann, definisce questo “invito” come una “censura” e dichiara: «Ci riporta indietro al Medioevo. Ognuno è libero di avere le idee che vuole».

Dello stesso parere anche il sindaco Giorgio Orsoni e l’ assessore Gianfranco Bettin, responsabile del Centro Pace del Comune che hanno annunciato un convegno “contro il rogo dei libri” a difesa “della piena libertà dell’arte e della letteratura, contro ogni intolleranza, contro ogni discriminazione e censura dell’arte e della cultura, contro il vento intollerante che soffia nel Veneto e che oggi colpisce in particolare scrittori rei di esprimere particolari posizioni politiche”.
Nicoletta Diella

1 commento

  1. Elkann parla di censura ! L’esaltazione di criminali condannati definitivamente e guarda caso, di sinistra, non può essere definita :censura, bensì connivenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here